La cimice asiatica. Dalle case alle piante ospiti (frutteti e vigneti)


Halyomorpha halys il suo nome scientifico.

Non punge, non trasmette malattie all'uomo ma se sotto minaccia ... anche lei emette un odore poco piacevole.

Nel periodo autunnale siamo ormai abituati a vedere cimici "incastrate" nei panni stesi che sperano di non essere viste; le vediamo "svolazzare" con movimenti circolari sino a trovare un appiglio per casa o ne sentiamo il loro odore se le schiacciamo.

Questa cimice marmorizzata però, è in rapida diffusione anche in Italia e può diventare pericolosa per molte piante coltivate (al momento nei frutteti).

E' originaria dell'Asia orientale e a fine anni '90 è stata introdotta accidentalmente nella costa Est degli Stati Uniti. In Italia è arrivata nel 2012 - 2013 (Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte).

Assomiglia ad alcune specie di cimici nostrane, in particolare alla Rhaphigaster nebulosa, ma H.halys è estremamente polifaga e tra le piante agrarie preferisce: pesco, melo, vite, mais, pomodoro, lampone... Ha un apparato boccale pungente - succhiante quindi è in grado di pungere la frutta e ad esempio, sulle mele, crea una puntinatura superficiale con deformazione del frutto a cui corrisponde una specie di butteratura sotto la buccia.

Oggi andiamo a sentire come procede la ricerca in Provincia di Cuneo e vi teniamo aggiornati!

#insettodannoso #PegasoServiziAgroambientalidiTorino #Piemonte #Italia #Halyomorphahalys #cimiceasiatica #dannifrutta

Post recenti
Archive
Search By Tags
Non ci sono ancora tag.
Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
CONTATTI

Studio Pegaso

Via Sant'Antonino 17

10020 - Riva presso Chieri (TO)

P.IVA/C.F. 09002080019

info@studiopegaso.eu

SOCIAL NETWORK
  • Wix Facebook page
  • Flickr Social Icon
  • YouTube Social  Icon
SCRIVICI
studio pegaso servizi agroambientali, torino, piemonte
Studio Pegaso – servizi agroambientali
Premendo il tasto invia si autorizza il trattamento dei propri dati personali,
ai sensi del D.lgs. 101/2018 e del Regolamento Europeo 679/2016 (GDPR)